Lunedì, 25 Settembre 2017
 
banner CCDU Portale Annunci Immobiliari
  Servizi Immobiliari Chi Siamo | Contatti | Mediarecord Network
 
 
immobili_vendita_terreni_edificabili
case_ville_pregio
case_vacanze
hotel
grandi_operazioni_immobiliari
attività_commerciali
news
legislazione_immobiliare
fisco_tributi
  AGGIUNGI AI PREFERITI
Agenzie Immobiliari Mediarecord:
V.le Vittorio Veneto n. 43
22070 Cirimido (CO)
Italia
Tel.: +39 031 93 75 34
P.I.: 03014400133
My status
  Home > News > Elenco News Mediarecord > dettaglio  
GLI ITALIANI E LA CASA
Torna alla lista News    

L’indagine biennale, condotta dalla Banca d’Italia sui bilanci delle famiglie italiane nell’anno 2002, effettuata su un campione di 8mila famiglie e 21mila persone di 350 Comuni, ha posto in risalto un dato interessante sulla casa tipo degli italiani. È emerso, infatti, che la famiglia italiana sceglie di preferenza, come propria abitazione di residenza, una casa che sia ubicata tra la periferia e il centro, con metratura tra i 60 e gli 80 mq, oppure superiore ai 120 mq. Molto gettonati anche i monolocali, che hanno registrato, rispetto al 2000, una crescita dal 15,7% al 16,3%. Queste tendenze si manifestano ormai con una crescita costante da 15 anni. Tuttavia, rispetto agli anni passati lo scenario è mutato. Da un confronto con i dati registrati nel 1989, 1995, 2000 e 2002, scopriamo che la corsa al mattone ha raggiunto il suo apice nella seconda metà degli anni 90. In quel periodo la percentuale dei proprietari di abitazioni di residenza è passata dal 64,7% al 68,3% incrementando ancora nei due anni successivi. La propensione all’affitto, invece, è diminuita sensibilmente, dal 28,5% del 1989 al 20,9% del 2000, e questa percentuale è rimasta invariata anche nel 2002. Pertanto, i canoni di locazione, calcolati nel 2002 con una media di 3.500 euro l’anno, hanno fatto rilevare nello stesso periodo una crescita del 25% nelle grandi città e del 9% nei centri più piccoli (l’incremento medio è stato pari al 14%).
La predilezione delle famiglie italiane a vivere nei quartieri residenziali situati tra il centro e la periferia viene confermata dai dati a disposizione: si è passati dal 29,7% del 1989 al 35,4% del 2002. Nella seconda metà degli anni 90, nei centri delle città la percentuale delle famiglie residenti si era ridotta dal 28,9% al 24,1%. Ma nel 2002 si è verificata un’inversione di tendenza raggiungendo la quota del 25,3%. La periferia rimane penalizzata: nell’89 vi abitava il 38% dei residenti, nell’ultima indagine la percentuale è ulteriormente diminuita al 26,7%. Altro fattore significativo, rilevato nell’indagine, è che gli italiani con buona disponibilità economica amano abitare nelle case di lusso: dal 1995 sino a oggi, si è riscontrato infatti un aumento dallo 0,5% all’1,2%. Non si disdegnano anche le case signorili, la cui percentuale è decisamente cresciuta: dall’8,1% al 14,5%. Scendono, invece, le abitazioni “civili”, si è passati dal 60,9% del 2000 al 58% dell’ultima rilevazione.

Torna alla lista News    
MEDIARECORD - Servizi Immobiliari Copyright 2009 - All rights reserved | Disclaimer | Privacy | Mappa del sito